In un passaggio dalla ABA alla NBA, la franchigia di Denver cambiò il suo nome dai Rockets ai Nuggets. La principale caratteristica distintiva della squadra è la sua capacità di scegliere i giocatori di basket nel draft. Denver ha più volte scelto giovani giocatori che hanno sigillato il destino della franchigia per gli anni a venire. Per la stagione 2021/2022, Michael Malone è l’allenatore capo della squadra, e Denver è di proprietà di Stan Kronke, che possiede anche l’Arsenal football.

Periodi di declino

Gli scarsi risultati della squadra sono legati alla partenza di giocatori chiave e a un mercato piccolo – di regola, i giocatori di medio livello si trasferiscono a Denver, costringendo la squadra a dare via soldi sproporzionati al talento di un giocatore. Il periodo peggiore nella storia della franchigia può essere tranquillamente chiamato la fine degli anni novanta. Dikembe Mutombo e Mahmoud Abdul-Rauf lasciarono la squadra nel 1996, il che rovinò il gioco difensivo dei Nuggets. Sotto Bill Hanzlik nel ’97/’98 la squadra ha prodotto solo 11 vittorie – un anti-record per Denver fino ad oggi.

La squadra andò leggermente meglio nelle stagioni seguenti, ma continuò a mancare i playoff. La situazione non è cambiata nemmeno con i nuovi manager Mike D’Anthony e Dan Issel, che ha lavorato per i Nuggets durante gli anni di Mutombo, non ha portato la franchigia al livello successivo. La stagione 2002-2003 fu il secondo peggior record nella storia dell’organizzazione. Ma il fallimento della squadra nell’anno di gioco l’ha resa un concorrente per la scelta più alta del draft. Con la seconda scelta nel 2003 i Nuggets selezionarono Carmelo Anthony che servì la squadra per 8 anni.

Denver Nuggets squadra di basket

Il periodo d’oro della squadra

Le migliori prestazioni della squadra nella storia sono arrivate nella ABA. Nelle stagioni 74/75 e 75/76 i Nuggets erano i favoriti e un forte concorrente per il titolo della lega grazie al gioco della giovane guardia David Thompson. Non ha brillato dalla lunga distanza, ma è stato eccezionale nella vernice, colpendo 10 colpi di successo in due stagioni di fila. Se i Nuggets hanno fatto i playoff nel ’74/’75 ma sono stati battuti in una serie di sette partite dagli Indiana Pacers nelle finali di conference, hanno raggiunto le finali ABA l’anno successivo quando sono caduti dai Knicks con Julius Irving. Una media di 37 punti del leader New York ha permesso ai Knicks di diventare campioni, battendo i Nuggets 4-2.

La partenza di Carmelo Anthony ha avuto un impatto positivo sui Nuggets all’inizio. La squadra ha guadagnato alcuni giocatori di ruolo di qualità nel processo, rafforzando il roster nel 2012 con il commercio di Andre Iguodala. Il partecipante all’All-Star Game si è inserito molto bene nella squadra, in particolare le sue capacità difensive. Otto giocatori avevano una media di oltre nove punti a stagione, ma lo schema di rotazione alta della squadra era incompetente nei playoff. Pertanto, nonostante un record di 57 vittorie nella stagione regolare, la squadra ha perso al primo turno contro i Golden State Warriors.

Nella postseason, Denver è arrivata seconda nella conference con un record di 47-25. Il gioco dello stilo principale nella storia dell’NBA ha contribuito a questo. Nel 2014, Denver ha scelto Nikola Jokic al 41° posto. E cinque anni dopo, l’undicesima scelta del secondo turno diventa MVP e porta Denver alle semifinali di conference, dove una serie di infortuni ha impedito ai Nuggets di battere Phoenix.