Una franchigia con un piccolo mercato non è in grado di portare in superstar, costringendoli a costruire una squadra di giocatori medi e promettenti o un carro armato e sperare in alte scelte al draft. Per la stagione 2021-22, J.B. Bickerstaff è il capo allenatore e Dan Gilbert è il proprietario di maggioranza della squadra.

Periodi di declino

Nella sua stagione di debutto nella NBA, Cleveland ha registrato il peggior record nella storia della franchigia. La squadra ha finito la stagione con 15 vittorie sotto Billy Fitch. La ragione del loro scarso successo fu un mercato troppo piccolo – i migliori giocatori dell’epoca non vollero venire a Cleveland, e la squadra riuscì ad espandersi veramente solo con l’infusione di denaro quattro anni dopo l’inizio della franchigia nella NBA.

Il loro fallimento nella stagione 2002-2003, con 17 vittorie e 65 sconfitte, segnò la partenza di John Lucas, che non fu mai in grado di condurre il club a un titolo NBA dopo di allora. Hanno dato la colpa delle prestazioni deludenti alla mancanza di giocatori di alto livello e alla bassa età del roster – solo due giocatori del roster avevano più di 30 anni. Il fallimento durante la stagione aiutò Cleveland a ottenere LeBron James, la prima scelta del draft della squadra, che aiutò la squadra a migliorare la stagione successiva.

La prima partenza di LeBron, tuttavia, ha lasciato i fan della squadra delusi dal loro idolo. Le maglie di James venivano bruciate in tutta Cleveland e i Cavs iniziarono a credere nella prossima prima scelta. I Cavaliers hanno selezionato il playmaker della Duke University Kyrie Irving nel draft. Kyrie ha guidato la squadra nel punteggio nella sua prima stagione, ma non ha cambiato l’equilibrio di potere per Cleveland. La squadra non aveva superato la soglia delle 35 vittorie fino al ritorno di James.

Squadra di basket dei Cleveland Cavaliers

Periodi di prosperità

La squadra ha avuto il suo primo picco alla fine degli anni ottanta e all’inizio degli anni novanta, quando era guidata da Lenny Wilkens. Cleveland ha fatto diverse apparizioni nei playoff, e la squadra guidata da Brad Doherty e Larry Nance ha raggiunto il traguardo delle 57 vittorie in stagione regolare, un record di franchigia nel XX secolo. Avendo avanzato alle finali di conference, i Cavs hanno affrontato i Chicago Bulls. Alla quinta partita, la serie era in parità a tre vittorie, e il tiro decisivo di Michael Jordan mandò Cleveland in una meritata vacanza, dopo la quale la squadra non aveva più avuto un tale successo fino all’era di LeBron.

Dalla selezione di James con la prima scelta del draft, la squadra è migliorata nella qualità del gioco. La mancanza di stelle di LeBron non gli ha impedito di fare i playoff di volta in volta. Nella stagione 2006/2007, il re quasi da solo ha dato a Cleveland le prime finali NBA nella storia della franchigia, accumulando una linea 27-6-6 nel corso della stagione. Ma in finale, i Cavaliers erano attesi da Greg Popovich con i San Antonio Spurs e lo sweep finale. Dopo di che, LeBron e i Cavs sono avanzati tre volte al primo turno dei playoff, ma sono stati sconfitti due volte da Boston e una volta da Orlando. Dopo la seconda sconfitta contro Boston, LeBron ha lasciato i Cavaliers per Miami.

Il ritorno del Re ha avuto luogo nel 2014. Kyrie Irving ha rifirmato con Cleveland allo stesso tempo, mentre Kevin Love del Minnesota è diventato l’ultimo membro dei “big three”. Mentre i Cavaliers hanno raggiunto le finali nel 2014-15, ma hanno perso contro l’HCV, un tiro bloccato da LeBron James e un tiro da tre punti di Kyrie Irving nella settima partita della serie finale ha deciso il risultato contro i Warriors. Cleveland ha vinto il campionato NBA per la prima volta nella storia. Kyrie ha deciso di lasciare la squadra, e LeBron ha portato i Cavs alla finale altre due volte, dove i Cavaliers hanno perso contro GSW.