La franchigia più costosa della National Basketball Association è anche considerata una delle più sfortunate. La squadra, nonostante un mercato enorme, non è stata una contendente nel 21° secolo. Alla fine del 2021, Tom Thibodeau è il capo allenatore della squadra. Il proprietario del franchising è James Dolan.

Periodi di declino

Il periodo dei primi anni ’60 è stato il peggior tratto per i Knicks nel XX secolo. La squadra si classificò all’ultimo posto nella divisione di volta in volta, e il culmine dell’incubo di New York fu la stagione 1961/1962. La squadra era in ripresa dalla sconfitta e una contendente ai playoff, ma Wilt Chamberlain segnò 100 punti al Madison Square Garden alla fine della stagione regolare, distruggendo la chimica all’interno della squadra. La situazione non cominciò a migliorare fino al 1965, quando un certo numero di rookie furono arruolati.

Nel XXI secolo la squadra aveva raggiunto i playoff solo quattro volte. La stagione peggiore in quell’arco di tempo è stata il 14-15. La formazione di partenza era afflitta da infortuni al momento, e Carmelo Anthony non era in grado di entrare pienamente in un ritmo di gioco e cominciò a deteriorarsi lentamente, costringendo la gestione di scambiarlo. Venti giocatori erano contemporaneamente nel roster, e uno dei migliori marcatori era Alexey Shved, che guidava la squadra nel punteggio con 14,8 punti a partita. Lo sforzo del russo non è riuscito e la squadra ha finito la stagione con un record di 17-65.

Lo stesso risultato attendeva la squadra nella stagione 18/19, che fu l’ultima stagione completa per David Fitzdale come allenatore dei Knicks. Un gran numero di giovani cestisti è passato da New York in questa stagione, con Tim Hardaway Junior, Emanuel Mudiay e Dennis Smith Junior a guidare la squadra. Inoltre, Kristaps Porzingis, l’unico All-Star della squadra Fitzdale, ha perso completamente l’anno di gioco per infortunio.

basket dei New York Knicks

Periodi di prosperità

Willis Reed e Walt Frazier furono gli autori del primo titolo dei Knicks nella storia della franchigia. Non solo la squadra andò in una striscia vincente di 18 stagioni consecutive 69-70, completando un record di lega 60, ma raggiunse anche le finali NBA dove i Knicks affrontarono i Los Angeles Lakers. Il confronto con i Lakers ha raggiunto la settima partita della serie, che Reed era fuori per un infortunio. Superando il dolore, Willis aiutò i Knicks a finire il lavoro e New York vinse il titolo.

Negli anni ’90, la squadra ha fatto i playoff ogni anno. Il miglior risultato di New York fu durante il National Championship Game del ’92-’93. Pat Riley guidava la squadra, mentre Patrick Ewing e John Starks guidavano i Knicks. La squadra di Ewing non era destinata a diventare campione. La squadra era caduta più volte nelle finali di conference ed era stata battuta due volte nelle finali NBA. L’arci-rivale di New York all’epoca erano i Chicago Bulls, che i Knicks hanno superato solo durante l’assenza di Michael Jordan dalla squadra.